CONEGLIANO-VAKIFBANK 2-3 (22-25, 21-25, 25-17, 25-15, 14-16) — Quarta finale negli ultimi 5 anni. Il Vakifbank si conferma potenza europea della pallavolo femminile conquistando il diritto a difendere il titolo. Per Conegliano l’amarezza di non essere riuscita a completare una rimonta dallo 0-2 che dopo il 4° set sembrava alla portata. Guidetti ha provato fino all’ultimo a recuperare Naz in regia dopo un problema fisico avuto nelle scorse settimane ma alla fine in regia si presenta Cansu. In avvio è Fabris contro tutti con l’opposta croata che mette a terra 5 – uno a muro – dei primi 8 punti di Conegliano (8-7 al primo time out tecnico) ma il piano partita delle turche è chiaro: spingere in battuta su Bricio per mettere in difficoltà la messicana in ricezione (i primi tre ace del Vakifbank sono tutti su di lei). E la fuga che vale il 1° set le campionesse uscenti la piazzano sul 17-17 con un 3-0 che rompe l’equilibrio. Nel 2° il Vakifbank allunga subito sfruttando qualche errore in ricezione ancora di Bricio – che poi in attacco non va oltre il 38% nei primi due parziali – mentre Wolosz riesce a coinvolgere di più Hill nel gioco. Ma la forbice tra le due squadre si fa sempre più ampia con le pantere che riescono a riemergere dallo svantaggio di 4-5 punti costruito a inizio set dalle turche che chiudono con Slöetjes. Dopo i primi scambi del 3° set esce Zhu per un problema alla caviglia destra – al suo posto Robinson, ex di turno come Hill dall’altra parte – e Conegliano ne approfitta al meglio scappando fino al 12-6. Guidetti si gioca la carta Naz in regia. Conegliano sembra aver ritrovato la fiducia della finale scudetto e cavalcando la vena di Fabris al 2° time out tecnico guida 16-8. A tenere vive le speranze di rimonta è proprio l’opposta croata che chiude il parziale al 3° set point. Nel 4° set rientra Zhu in posto 4 con Naz confermata in regia ma Conegliano ha preso il ritmo che le mancava in avvio e macina punti toccando molto a muro e ritrovando continuità con le schiacciatrici e si conquista la chance del tiebreak con Fabris che chiude al 1° set point. Nel 5° set staffetta Cansu-Naz in regia per il Vakifbank, Conegliano arriva a guidare fino al 12-9 ma poi si spegne la luce in casa Imoco e in finale va il club turco.